Tuesday, Nov. 21, 2017

Caro STATO…

Written By:

|

11 November 2017

|

Posted In:

Caro STATO…

Caro STATO,

poiché giusto settant’anni fa dalla mia maestra di seconda elementare sentii dire che lo STATO è come se fosse il padre di tutti i cittadini, ti scrivo proprio come se scrivessi a mio padre, con parole semplici e il cuore in mano. Sono un vecchio 77enne che ha poco studiato, quindi perdonami se non uso un linguaggio forbito.

Ho una pensione di 630 euro (che sicuramente non sempre bastano per affrontare le spese delle prime necessità e il costo dei tiket e dei farmaci a pagamento indispensabili per i vari acciacchi) ma faccio ogni sacrificio possibile per camminare sempre a testa alta e salvaguardare la mia dignità di essere umano. Oltre ai malanni ho le mie tristezze, i miei piccoli e grandi problemi, i miei scoramenti e le mie delusioni ma, grazie a Dio e alla mia fede, ho anche tanti bei sogni e una grande speranza, e una profonda fiducia, che già da domani tutto può cominciare ad andare meglio, se tu lo vorrai!stato

Caro STATO, sono un poco arrabbiato con te perché con il trascorrere del tempo mi pare che stai diventando sempre più distratto e sempre più lontano e distaccato dai bisogni e dai problemi dei tuoi figli-cittadini. Un buon padre non si comporta così! Un buon genitore non fa “a chi figlio e a chi figliastro”, assolutamente no! Un buon padre è presente dove c’è un suo figlio, nella grande città o nel più piccolo borgo, nelle strade eleganti o nelle periferie degradate. È sempre vigile e pronto ad aiutare il figlio che ha bisogno e sempre pronto a difendere colui che chiede aiuto. Ti dico di più: un buon padre riesce addirittura a prevenirle le necessità dei suoi figli sapendo che non deve permettere che nessun angolo di nessuna parte del Paese possa diventare succube di degrado e di abbrutimento destinato poi ad essere terra di conquista del malavitoso di turno. Un buon padre, oltre che difenderli in vita i propri figli, non permette a chicchessia di offenderne la memoria.

senatoNon puoi permettere a nessuno di vanificare il sacrificio di tutti coloro, noti e meno noti, che non esitarono un solo attimo ad immolare la loro vita per il sogno di un’Italia giusta, libera e democratica. Non puoi permettere che una piccola ma tanto pericolosa genia che sta creando metastasi nel tessuto sano della Nazione, minando alla base le aspettative di quella maggioranza silenziosa che ancora vuole credere nella giustizia e nella democrazia, possa riuscire a fagocitare i milioni di onesti lavoratori. Non devi assolutamente permettere che questi fuorilegge, schiavi della corruzione e del malaffare, sempre più assetati di sporco denaro e di altrettanto sporco potere, riescano ad insozzare e vanificare l’impegno di tanti e tanti milioni di italiani che seriamente e con perfetta coscienza, sgobbano e si sacrificano per affrontare e cercare di superare nella legalità gli ostacoli quotidiani. Non devi permettere che neppure una sola goccia del fango prodotto da questi sciagurati possa sporcare l’avvenire, il sorriso e le speranze dei nostri giovani.
Non lo permettere, mai, perché tu sei lo STATO, e devi essere invincibile!

Sempre tuo, 
Raffaele Pisani

Share This Article

Related News

QUANDO LA MALVAGITÀ UMANA SUPERA QUELLA DEL DEMONIO
REGIONI: UN’AUTONOMIA CHE VANIFICHEREBBE IL SACRIFICIO DI TUTTI I CADUTI PER L’UNITÀ D’ITALIA
OCCORRE  UNA “SCUOLA”  PER  GENITORI  E  NONNI

About Author

Leave A Reply

Leave a Reply