Tuesday, Nov. 21, 2017

Comme nascette Napule

Written By:

|

19 October 2017

|

Posted In:

Comme nascette Napule
Comme nascette Napule” è un sogno un po’ naif che il Poeta ci dipinge con tratti dai contorni decisi. I personaggi infatti interagiscono con modi e sentimenti umani e questo ce li fa sentire molto vicini e ce li fa ancora di più amare. Come può il Poeta non pensare a una matrice divina per la sua adorata città vilipesa disgraziatamente dai suoi abitanti? Il sogno perciò è destinato ad avere vita breve e ci si sveglia proprio nel momento più bello. La carezza lieve di Maria è come se togliesse il velo dell’illusione: purtroppo il prezioso dono di tanta bellezza ricevuto dal Signore non è ben riposto!
 
(Dal volume “PISANI, un poeta per compagno” di Francesca Musumeci- Ed. CUECM, CT, 2010
 
 
COMME  NASCETTE  NAPULE
’Na dummeneca, ’o Signore,
’n Paraviso se scetaje
cchiù matina ’e ll’ati juorne,
e da ’o lietto se menaje
 
comme a cchi, mpruvvisamente,
s’arricorda c’ha dda fa’
’na facenna assaje mpurtante
e, che vuo’, s’ ’a va a scurdà.
 
Comm’infatte, smanïuso
chiamma a n’angelo: – Guagliò,
truove subbeto a San Pietro
ca me serve primma ’e mo! –
 
E San Pietro s’appresenta:
– Comandate, o mio Signore! –
– Ueh! San Pié, sienteme buono
ca m’he’ ’a fa’ nu gran favore:
 
io, distratto ’a tutte ’e mpicce
ca me dà ogni ghiuorno ’a Terra
– chi s’appicceca, chi strilla,
chi se nquarta, chi vo’ ’a guerra…
 
che oggi è il nome di Maria
mi è scappato dalla testa,
e mmo, intanto, Essa s’aspetta
il regalo per la festa.
 
E cuntinua: Pe’ furtuna
ca m’ ’o vvaco a ricurdà
mentre sto tra veglia e suonno:
’a stanchezza che te fa!
 
E ce pienze che figura
ch’io facevo? Arrassusia!
E po’ proprio cu ’a Madonna
’sta mancanza ’e cortesia? –
 
E San Pietro se sentette
tutta quanta ’a chiacchiariata,
po’ dicette: – Patre caro,
ccà ’a facenna è delicata! –
 
– Delicata? Ah, figliu mio!
– rispunnette ’o Pat’Eterno –
chesta piezza ’e ciucciaria
è passibbele ’e ll’Inferno! –
 
– E va buo’, mo esagerate,
– le fa ’o Santo – un regalino
certamente troverete
in qualunque magazzino. –
 
– No, San Pie’, – risponne Dio –
’a Madonna va truvanno
nu regalo eccezionale.
Saje che cosa va cercanno?
 
Ch’io le faccio ncopp’ ’a terra
nu paese accussì bello
c’ha dda essere p’ ’a gente
un autentico gioiello!
 
E pirciò, damme ’na mano,
damme tu quacche cunziglio,
ca sto stanco, troppo stanco
p’apparà chistu scunciglio. –
 
E San Pietro le risponne:
– Mo l’azzardo nu parere,
spero solo di potervi
fare overo un bel piacere:
 
vuje sceglite a gusto vuosto
’o cchiù bello ’e tutte ’e site
ca ce stanno ’n Paraviso,
doppo scelto, m’avvertite
 
 
ca m’ ’o piglio e ’o scengo lesto
ncopp’ ’a terra. In un momento
sistimate tutte cose
e restate assaje cuntento! –
 
Cumpiaciuto, Dio le dice:
– Santu Pie’, si’ nu cannone!
Ja’, mettimmoce ’n cammino
e facimmo ’e ccose bone! –
 
E a ll’istante, ’o Pat’Eterno,
piglia e a ll’opera se mette:
coglie ràppule ’e viole,
jenche ’e rose doje carrette,
 
po’ appripara nu canisto
’e curalle, ragge ’e sole,
nu pezzullo ’e cielo azzurro,
passarielle, rusignuole,
 
e ’na luna ’argiento e latte,
e nu mare ’o cchiù turchino,
e ’e canzone e tarantelle
nu cascione è chino chino;
 
llà ppe’ llà fa ’na riviera
cu nu giro ’e perle ’n pietto
e ce pitta, ardente e bello,
’o Vesuvio derimpetto.
 
Sceglie, ’nzomma, ’e mmeglie cose,
nun abbada a prezzo e a spese,
e ce mette tutto ’o genio
pe’ fa’ bello stu paese.
 
Po’, assettannose: – San Pie’,
cca’ sta tutto l’occorrente:
parte e fa’ ’na cosa bona,
cu’ passione e sentimente! –
 
E San Pietro, tanno tanno,
scenne ’n terra: dudice ore
 
e fa ’a capa costruzione:
nu paese tutto ammore.
 
’A Madonna, ca guardava,
rummanette ’ndusiasmata
e da ’o Cielo le mannaje
’na carezza appassiunata.
 
E che festa ’n Paraviso!
Ch’allerezza int’ ’a nuttata!
Benedetta d’ ’a Madonna,
’n terra Napule era nata.
 
Che peccato ca po’ Dio
dette tutto mmocch’ ’e cane
affidanno stu tesoro
propio a nuje napulitane!
 

Share This Article

Related News

ANNA FRANK CROCIFISSA DALL’IGNORANZA
“ 8 MARZO” –  NOI LO FESTEGGIAMO COSI’ e lo dedichiamo a tutte le donne dell’universo
Lettera aperta nella giornata di San Valentino: Francesca, da trentasei anni assieme e mille motivi per amarti, sempre!

About Author

Leave A Reply

Leave a Reply