Wednesday, Nov. 22, 2017

Con “Il Viaggio a Reims” di G. Rossini si conclude la stagione lirica del Filarmonico di Verona.

Written By:

|

15 June 2017

|

Posted In:

Con “Il Viaggio a Reims” di G. Rossini si conclude la stagione lirica del Filarmonico di Verona.

Recensione di Salvatore Margarone

Ultima recita quella del 28 Maggio del Viaggio a Reims di Gioacchino Rossini per il Teatro Filarmonico di Verona, che conclude così la Stagione Lirica 2016 /2017.

Il dramma giocoso in un atto di Luigi Balocchi, composto per l’incoronazione di S. M. Carlo X, Re di Francia, nell’edizione critica della Fondazione Rossini di Pesaro, sotto la direzione di un ottimo Francesco Ommassini, convince per la parte musicale, che risulta ben calibrata e con tempi correttissimi,  ma non per la messa in scena.Viaggio_a_Reims_Ennevifoto2

La regia curata da Pier Francesco Maestrini con le animazioni di Joshua Held, stavolta fa cilecca ripetendo in questa produzione l’esperimento che avevano fatto un paio di anni fa con un fortunato Barbiere di Siviglia, mettendo in scena con le stesse modalità questo “Viaggio” che ha perso per strada molta, se non tutta,  della sottile ironia di cui è pervaso ed inserendo molte gag inappropriate e fastidiose allusioni sessuali che sono estranee al dramma giocoso rossiniano. Con questa premessa vogliamo sottolineare la distorta messa in scena di un’opera già poco rappresentata, visto il nutrito parterre di cantanti in scena e un libretto che del nonsense ne fa la forza.

Viaggio_a_Reims_Ennevifoto6Di contro, però, sul palcoscenico si sono avvicendati ottimi giovani cantanti che con le loro belle voci hanno colmato qualche occhio disturbato del nutrito pubblico in sala. Quindici cantanti prevede sulla scena quest’opera con voci squillanti e agili nel rispetto di un Rossini che si distingue per le sue linee di canto vertiginose e che il giovane cast ha saputo rendere egregiamente, anche se qualche defaillance c’è stata.Viaggio_a_Reims_Ennevifoto3

Corinna, interpretata da Lucrezia Drei spicca per vocalità lucente e brillante, fraseggio impeccabile e molto gusto nell’offrire il suo personaggio al pubblico, ma anche le altre tre donne, La Marchesa di Melibea, interpretata da Raffaella Lupinacci, La Contessa di Folleville, interpretata da Marina Monzó e Francesca Sassu nei panni di Madama Cortese, non sono state da meno. Ottimo il loro intreccio vocale in scena e giuste voci che non si disturbavano cantando. Tutte intonatissime e dotate vocalmente hanno fatto di questo Viaggio a Reims un interessantissimo spettacolo vocale.Viaggio_a_Reims_Ennevifoto4

Passando al cast maschile le lodi vanno sicuramente al Cavaliere Belfiore, interpretato da Xabier Anduaga dal timbro squillante e bel legato di fiato, ottime le sue agilità; buona l’interpretazione di Pietro Adaini, Il Conte di Libenskof, e bravo anche Marco Mimica nei panni di Lord Sidney. Qualche defaillance invece per il Conte di Trombonok di Giovanni Romeo (forse per stanchezza). Potevano dare di più il Don Alvaro di Alessio Verna e il Don Profondo di Alessandro Abis che non convincono pienamente nella loro interpretazione. Buono il resto del cast: la Maddalena/Modestina di Alice Marini, il Don Luigino/Zeferino di Stefano Pisani, il Don Prudenzio di Omar Kamata, la Delia di Francesca Micarelli e l’Antonio di Stefano Marchisio.Viaggio_a_Reims_Ennevifoto1

Ottimo il Coro dell’Arena di Verona diretto da Vito Lombardi, anche se un po’ soffocato ed impacciato, o meglio “incappucciato” in costumi decisamente ingombranti ideati da Alfredo Troisi. A parte i costumi, le scene, dello stesso Troisi, erano in verità inesistenti:  sul palcoscenico non c’era nulla, a parte il grande telo che fungeva da schermo dove era proiettato il cartoon.Viaggio_a_Reims_Ennevifoto5

Successo da parte del pubblico alla fine dello spettacolo con lunghi applausi per tutti i protagonisti.Viaggio_a_Reims_Ennevifoto7 Viaggio_a_Reims_Ennevifoto8 Viaggio_a_Reims_Ennevifoto9 Viaggio_a_Reims_Ennevifoto10

Foto Ennevi

Share This Article

Related News

Sergej Vasil’evič RACHMANINOV, la Scuola Russa tra Romanticismo e innovazione.
QUANDO A PADOVA IL “TROVATOR” CANTÒ
Le Toccate di Bach nel nuovo cd di Pietro Soraci

About Author

Salvatore Margarone

Nasce a Catania nel 1972, si diploma in pianoforte al Conservatorio Statale di Musica Tito Schipa di Lecce sotto la guida del Maestro Dario Nicoletti. Agli studi pianistici affianca quelli di Organo e Composizione Organistica con il Maestro Gianluca Libertucci (Organista Ufficiale del Vaticano) e Composizione con Letizia Spampinato. Si perfeziona in esecuzione pianistica con Fabrizio Migliorino, Paul Badura Skoda. Alla carriera solistica affianca quella Vocale da Camera in duo con il soprano Stefania Pistone, con la quale segue i corsi specialistici sul Lied Tedesco di Elio Battaglia ad Acquasparta e a Salisburgo presso il Mozarteum. Da questo incontro inizia una lunga collaborazione con il maestro Battaglia accompagnando i corsi di canto lirico tenuti negli anni a seguire a Napoli e Catania, incidendo dal vivo, nel 2001, un CD delle Arie da Camera di V. Bellini per il bicentenario della nascita del compositore catanese. Vincitore di oltre 30 Concorsi Nazionali e Internazionali in duo liederistico con il soprano Stefania Pistone, pubblicano insieme tre Saggi Critici: Il Lied e Franz Schubert, Il Lied e L.v.Beethoven e La Romana da Salotto Italiana, tutti con CD allegato editi dalla Casa Musicale Eco di Monza. Con la stessa casa editrice prosegue una fruttuosa collaborazione che lo porta a pubblicare revisioni pianistiche di raccolte di lieder tra cui: Zelter, Mozart, Schubert, Schumann, Liszt, Brahms, Wagner, Wolf, ecc… in più due Antologie di Lieder per i Conservatori e Raccolte di Arie D’Opera. Si è esibito per enti lirici, tra i quali Teatro Bellini di Catania, Teatro Paisiello di Lecce, Teatro Comunale di Merano, varie associazioni ed enti pugliesi, ecc… all’estero Wiener Saal di Salisburgo, Gabinete Letteral di Las Palmas di Gran Canaria ecc…; stagioni concertistiche a livello internazionale tra cui : Settembre Musica 2001, per una “Maratona Beethoven”, dove nella stessa giornata si esibiva anche il Maestro Riccardo Muti con l’orchestra del Regio di Torino. Negli ultimi anni è stato direttore artistico del Circolo della Lirica di Padova, dove vive tutt’ora, proseguendo l’attività pianistica. Nel 2014, in occasione del 150° anniversario della nascita di Richard Strauss, pubblica il volume “Richard Strauss, Uomo e musicista del suo tempo” edito dalla Casa Musicale Eco di Monza, riscuotendo notevoli consensi di critica sulle maggiori testate giornalistiche specializzate (GB OPERA MAGAZINE, OPERACLICK, BELLININEWS, SUONARE NEWS, ecc…) Attualmente è impegnato nella stesura di un nuovo volume “Il Melodramma”, dalle origini ai giorni nostri, ed una Biografia su Sergej Rachmaninoff e la scuola russa. Si dedica con passione alla didattica del pianoforte e del canto, ed è docente presso l’Istituto Comprensivo Statale “Ricci Curbastro” di Padova.

Leave A Reply

Leave a Reply