Saturday, May. 27, 2017

La vera storia dell’uomo elastico in un corto dal titolo ” Elastic Heart, diretto da Giuseppe Cossentino

Written By:

|

27 February 2017

|

Posted In:

La vera storia dell’uomo elastico in un corto dal titolo ” Elastic Heart, diretto da Giuseppe Cossentino

Secondo voi, esistono i supereroi?   Molti credono che esistano solo nei film o nei fumetti, ma in realtà sono reali e lo può dimostrare Nunzio Bellino, ragazzo napoletano ventisettenne, la cui pelle risulta di un’ elasticità incredibile.  Infatti, Nunzio è un  vero caso più unico che raro, soprannominato ” Elastic Man” per via della sua pelle elastica. A molti può sembrare strano, addirittura sconvolgere o impressionare. In verità questo ” effetto speciale” è dovuto a una patologia, detta Sindrome di Ehlers-Danlos, che colpisce in particolare il collagene che smette di funzionare dando elasticità ai tessuti. Si tratta di una sindrome rara che si trasmette per via genetica e la cui frequenza è di circa 1 milione e 500 nascite. Nunzio Bellino si svela uomo elasticoNunzio è diventato già un caso virale sui social e sui quotidiani nazionali, dato che la sua storia è stata trasposta in un vero e proprio cortometraggio,  dal titolo ” Elastic Heart ” Cuore Elastico” scritto e diretto dallo sceneggiatore e regista  Giuseppe Cossentino, già famoso Oscar italiano del web. Il corto è già in rassegna internazionale ai Rome Web Awards 2017 e parteciperà ad altri contest internazionali e sarà tradotto in 4 lingue per divulgare la storia di Nunzio, l’uomo elastico che merita di essere conosciuta e dare un messaggio positivo al mondo.

Nunzio Bellino ed il regista Giuseppe Cossentino.

Nunzio Bellino ed il regista Giuseppe Cossentino.

Share This Article

Related News

VIOLA MANUELA CECCARINI WILL SERVE AS A JUDGE FOR THE GLOBAL SHORT FILM AWARDS (for the second time)!!
Festival del cinema di Spello ed i borghi Umbri
Oscar 2017 fra “pasticci”  caramelle e ciambelle paracadutate in teatro.

About Author

Tiziano Thomas Dossena

Leave A Reply

Leave a Reply