Saturday, May. 27, 2017

Le Olimpiadi servono ancora?

Written By:

|

10 August 2016

|

Posted In:

Le Olimpiadi servono ancora?

Il titolo è provocatorio, naturalmente, per i grandi soldi che vi girano intorno; servono, per gli atleti pure, per gli amanti dello sport anche.

Le Olimpiadi però hanno perso l’originario valore: le guerre si interrompevano, non c’era il doping, la pubblicità non interrompeva la sfilata dei paesi partecipanti per dirci quanto è buona un’aranciata o quanto è efficace una supposta.

Le guerre continuano sempre più crudeli, laddove sia possibile dire che non ci siano guerre crudeli, sugli autobus e sul podio, i Kosovari non salgono se ci sono i Serbi, così per i Libanesi e gli Israeliani.

annkate

Helen e Kate Richardson-Walsh

Che tristezza!

D’altro canto questa olimpiade sta riservando anche delle sorprese come il matrimonio di due atlete Helen e Kate Richardson-Walsh, britanniche, squadra di hockey su prato.

La cerimonia di apertura è stata sorprendente, diretta e concepita dall’architetto Italiano, Marco Balich, criticato per il suo Albero della Vita all’Expo di Milano, per questa olimpiade a Rio ha stupito tutti, speso meno di tutti, con una cerimonia dalla forte connotazione ambientalista.

Le mascotte di questa olimpiade sono due, un felino e un albero, sempre a ricordare la natura.

Bellissima l’idea di dare ad ogni atleta un seme che poi gli stessi piantavano in alcuni “ armadi” che alla fine si sono trasformati nei cinque cerchi olimpici.

I cinque colori che ricordano i cinque continenti sono diventati tutti verdi, per dire che esiste un solo mondo ed è la natura!olympics1

Bella la” favola” dell’ atleta Rafaela Silva, nata e cresciuta nelle favelas; ma a tale proposito molte favelas sono state rase al suolo per fare posto al villaggio olimpico e perché non erano “telegeniche”.

Favela in Rio.

Favela in Rio.

Per ora il medagliere è a favore dell’America e della Cina, l’Italia è settima; c’è ancora tempo per altre sorprese, come la rinuncia di Pelè ad essere ultimo tedoforo per motivi di salute, al suo posto il maratoneta Vanderlei de Lima.

Cronache e polemiche a parte, i giochi olimpici, anche se hanno avuto delle fermate obbligatorie causa guerra, come quella del 1940 che doveva tenersi a Tokyo, continueranno, magari deludendo il Barone Pierre De Coubertin e il suo meraviglioso sogno di fratellanza mondiale espressa con il suo felice motto: “L’importante non è vincere ma partecipare”

Non dimentichiamolo mai, in nessun ambito.

Share This Article

Related News

Remembering Lawrence Peter “Yogi” Berra
Stadio della Roma will break ground in 2015
Sandro Lopopolo, World Light Welterweight Champion, Dead Today At 75

About Author

Isabella Rossiello

Leave A Reply

Leave a Reply