Wednesday, Aug. 16, 2017

“SCUOLA D’ESTATE”, GLI INETTI LASCIANO I CANCELLI CHIUSI, I “MAESTRI” POSSONO SPALANCARLI

Written By:

|

20 July 2017

|

Posted In:

“SCUOLA D’ESTATE”, GLI INETTI LASCIANO I CANCELLI CHIUSI, I “MAESTRI” POSSONO SPALANCARLI

Lettera aperta di Raffaele Pisani

Se i “cancelli aperti” per le scuole d’estate sono rimasti chiusi per colpa dell’inefficienza del ministero, li potrebbero “spalancare” quei presidi e docenti che, prima di essere insegnanti sanno essere “Maestri”. Secondo me numerosi sono quei professori che, se invitati da presidi “illuminati” a dare un contributo volontario di qualche ora a settimana, sarebbero ben lieti di farlo per offrire una buona occasione a tutti quegli studenti ai quali sarebbe di grande giovamento “vivere la scuola d’estate”. Sicuramente questi “volontari della cultura” non percepirebbero un euro ma darebbero un possente “schiaffo” morale ai demotivati del ministero dell’istruzione incapaci di arricchire la scuola italiana della straordinaria opportunità che l’Europa ci aveva offerto e a tutti quei politici inetti incollati come zombi alle loro poltrone, servitori solo di se stessi e di una pigra burocrazia che produce soltanto danni. L’Europa ci indica la vera buona scuola e ci offre i mezzi economici per attuarla, i mediocri – che purtroppo ci governano e ci amministrano – lasciano le scuole nel degrado e i ragazzi sempre di più facili prede di tutti i pericoli della strada. I giovani, a cominciare dalle elementari, hanno bisogno di “Maestri” e se hanno la fortuna di incontrarli avranno una guida sicura che li farà uomini veri e cittadini responsabili, uomini sicuramente migliori per un futuro migliore.

Sede del Ministero della Pubblica Istruzione

Sede del Ministero della Pubblica Istruzione

Share This Article

Related News

CONDOGLIANZE, SICILIA BEDDA !
PER IL PROCURATORE DI CATANIA CARMELO ZUCCARO, DOPO LE PUBBLICHE ACCUSE…
UN POCO DI PIETÀ CRISTIANA PER RAFFAELE CUTOLO E UNA SPERANZA PER IMMACOLATA E DENISE

About Author

Leave A Reply

Leave a Reply